Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Preferenze cookies

Firma di un gemellaggio tra la Regione Toscana e la Regione di Kiev

Toscana

Solidarietà, amicizia e collaborazione tra Toscana e la Regione di Kiev, grazie all’Intesa firmata  in videoconferenza dal presidente Eugenio Giani e Ruslan Kravchenko, capo dell’Amministrazione della Regione della capitale ucraina.

“L’accordo si riferisce allo sviluppo delle potenzialità dei rispettivi territori e condivide una premessa: che il quadro di collaborazione contribuirà anche a rispondere all’emergenza umanitaria nella Regione di Kiev causata dall’aggressione militare della Federazione Russa e alle sue conseguenze a medio e lungo termine” ha dichiarato Giani.

Le due Regioni intendono rafforzare i legami tra cittadini e istituzioni, sostenere forme di collaborazione per il reciproco sviluppo, dare vita ad azioni congiunte per le esigenze della popolazione della Regione di Kiev. Il presidente della Toscana ha precisato che con l’Intesa si porta a conclusione un lungo percorso di dialogo avviato un anno fa nella videoconferenza con la Regione di Kiev. “Il rapporto di collaborazione tra la Regione di Kiev e la Regione Toscana valorizza la nostra amicizia e conferma la volontà della Toscana ad essere vicini all’Ucraina che ci auguriamo sia presto in pace e libera”.

Nell’accordo si condivide l’impegno a facilitare scambi e collaborazioni in specifici ambiti: sviluppo economico e imprenditorialità; collaborazione accademica, scientifica e culturale; opportunità commerciali, ricerca e innovazione, sanità. Ed proprio in ambito sanitario, dove la Regione Toscana ha specifiche competenze, che si concentrerà il principale ed iniziale sostegno alla Regione di Kyiv. Inoltre,  per l’attuazione degli ulteriori  obiettivi previsti nell’Intesa,  saranno promossi scambi di esperienze e incontri tra le parti; sviluppo di progetti comuni in aree di interesse comune; interventi di collaborazione e sostegno dei territori e della cittadinanza di Kiev colpita dall’aggressione militare.

L’Intesa è valida fino al 30 settembre 2025.