Questo sito utilizza cookies tecnici (necessari) e analitici.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Giornata italiana a Bucha: La Bellezza e la Forza della Cultura Italiana per la Città Martire

DSC03343

Sabato, 25 maggio 2024 ha avuto luogo la Giornata della Cultura Italiana a Bucha: l’Italia è stata scelta come primo paese per inaugurare la rassegna “Giornate delle culture europee” al Parco comunale di Bucha con lo scopo di sottolineare l’appartenenza ucraina alla famiglia europea. Gli organizzatori istituzionali dell’evento sono stati l’Ambasciata della Repubblica Italiana a Kiev, l’Istituto Italiano di Cultura di Kiev, l’Agenzia Italiana per la Cooperazione allo sviluppo – AICS Kiev e il Comune di Bucha insieme alla Fondazione CESVI, all’ONG ucraina Ya Buchanets, al gruppo Chiacchiere, all’ONG Pizza for Ukraine.“Bucha è una città-simbolo, città martire, dove sono stati perpetrati orrendi massacri e crimini di guerra, sono stati violati i più elementari diritti umani. Io stesso sono stato a Bucha intorno al 20 aprile 2022, poche settimane dopo l’occupazione e mi ricordo una bruttissima atmosfera. Per cui sono contentissimo di vedere oggi questa festa, questa voglia di rinascere” ha sottolineato nel suo discorso ufficiale l’Ambasciatore della Repubblica Italiana a Kiev, S.E. Pier Francesco Zazo mentre il sindaco di Bucha Anatolii Fedoruk ha ringraziato nel suo discorso tutti i partner italiani per il prezioso sostegno.Il parco comunale di Bucha ha ospitato vari eventi dedicati alla cultura italiana in diverse location. L’Istituto di Cultura ha presentato e distribuito i libri di Pimpa tradotti recentemente in ucraino grazie al sostegno del MAECI. È stato proposto infatti un gioco con una mega scultura dell’Italia con le sue regioni, realizzata dall’artista e designer italiano Paolo Coia, dove i bambini e gli adulti, giocando hanno avuto l’occasione di scoprire le regioni d’Italia e vincere una copia di Pimpa. Il gruppo Chiacchiere italiane, speaking club italiano a Kiev, ha riunito amanti della lingua italiana e amici per socializzare e imparare qualche parola in italiano. Un Laboratorio dedicato allo scrittore Gianni Rodari, promosso da AICS, ha coinvolto decine di bambini della città con letture e disegni ispirati alla poesia “La luna di Kiev”, creando così un ponte di amicizia tra Roma e Bucha.

La piazzetta centrale ha accolto anche una Master class di danza dedicata ai balli del Sud Italia organizzata da CESVI insieme a Partners ucraini, bambini e ballerini provenienti da una scuola di Danza di Bucha, nonché una performance teatrale, organizzata dall’Istituto Italiano di Cultura, dedicata alla Commedia dell’arte e realizzata dagli studenti dell’Università Nazionale del Teatro e Cinema intitolata a Ivan Karpenko-Karyi di Kiev. A coronare l’amicizia italo-ucraina è stato eretto un Arco dell’amicizia, realizzato da magliaie di Bucha con i colori delle bandiere italiana ed ucraina, e una masterclass finale inclusiva per i bambini, anche con le persone con disabilità, in pastamaking, produzione di stress ball e face coloring, attività promosse da CESVI che opera da diverso tempo proprio a Bucha e dalla ONG locale YaBuchanets.

Un Concerto organizzato dall’Istituto Italiano di Cultura ha concluso la giornata incantando i presenti con emozionanti Arie d’Opera (Puccini,Verdi), brani di musica classica italiana (tra cui Vivaldi) e altri tratti dalle colonne sonore di film famosi (Morricone, Rota, Piovani) cantate e suonate con un Quartetto d’archi in riva al lago del Parco comunale. “Abbiamo voluto lanciare un messaggio di forza e di speranza attraverso la musica, l’arte e la letteratura: la cultura avvicina ed arricchisce i nostri popoli e rafforza le comunità e le persone” ha dichiarato il Direttore dell’Istituto di Cultura di Kiev, Carlo Colonnella che ha ribadito il pieno supporto dell’Italia anche nel campo della cooperazione culturale e scientifica.

La cultura culinaria è stata rappresentata nelle food location dislocate nel parco tra cui quella dedicata alla pizza e quella per il gelato italiano. La ONG americana in Ucraina “Pizza for Ukraine” ha collaborato per rendere ancora più piacevole questa splendida giornata. Hanno inoltre animato la giornata numerosi volontari e studenti del primo e terzo anno di filologia italiana delle Università principali ucraine tra cui l’Università Nazionale di Kiev intitolata a Taras Shevchenko, l’Università Nazionale linguistica di Kiev e l’Università di Kiev intitolata a Borys Hrynchenko.
A concludere la giornata, il discorso del sindaco di Bucha, Anatolii Fedoruk, che ha ringraziato tutti i partner italiani per un prezioso sostegno.